Avrebbe adescato due bambini, residenti nello stesso condominio, offrendogli giocattoli e regali vari per poi abusare sessualmente di loro. Con l’accusa di violenza sessuale, un uomo di 57 anni, sposato, A.P., di Caserta è stato arrestato dai carabinieri a conclusione di un’indagine in ‘codice rosso’ avviata dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere (Caserta).

Leggi anche > Guadagna 2700 euro per fare sesso con una bambina davanti a Skype: donna condannata

A sporgere la denuncia, a fine novembre, è stata la madre dei due bambini di 11 e 12 anni che hanno raccontato tutto alla donna dopo l’ultimo tentativo di abuso al quale è riuscito a sottrarsi il figlio più piccolo. Quest’ultimo ha convinto anche il fratello più grande a riferire il tutto: racconti ritenuti coerenti e credibili dagli inquirenti.

L’uomo, è stato accertato, avrebbe abusato anche di un altro bambino residente nello stesso condominio usando la stessa strategia, approfittando di quando le vittime erano sole negli spazi condominiali, lontane dalla madre o quando lui si trovava in casa, dove invitava i ragazzini, in assenza della moglie. L’uomo è stato trasferito nel carcere di Santa Maria Capua Vetere (Caserta). Il gip ha ritenuto dovere accogliere la richiesta cautelare indispensabile per la possibile reiterazione del reato.

VIOLENZA SESSUALE SU NIPOTE 15ENNE, ZIO AI DOMICILIARI

I carabinieri di San Nicola La Strada (Caserta) hanno arrestato un uomo accusato di violenza sessuale nei confronti della nipote di 15 anni. La ragazzina aveva denunciato gli approcci sessuali dello zio lo scorso settembre. L’uomo, F.B.., che ha beneficiato degli arresti domiciliari, stando alle accuse della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere (Caserta), oltre a palpeggiare continuamente la minore avrebbe tentato anche approcci di natura sessuale sottoponendo la ragazzina a un notevole stress psicologico inducendola in uno stato di ansia perdurante. Il provvedimento del gip del tribunale di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) è stato adottato alla luce della personalità dell’uomo e della possibile reiterazione del reato da parte dell’indagato.