Continua e diventa ancora più incisiva l’attività di contrasto messa in campo dal Commissariato di Pubblica Sicurezza di Termoli per garantire la tranquillità dei cittadini e per la repressione dei reati di particolare allarme sociale, anche connessi alla “movida” cittadina del fine settimana, particolarmente intensa in prossimità delle festività natalizie.

Personale del Commissariato di Termoli, nei giorni scorsi, a seguito di una segnalazione giunta al numero di pronto intervento 113, è intervenuto nei pressi di alcuni esercizi pubblici ubicati nel centro della cittadina adriatica a seguito di comportamenti intemperanti e chiassosi assunti in particolare da alcuni giovani appena usciti dai locali notturni.

All’atto del controllo, una ragazza, in evidente stato di alterazione psico-fisica dovuta all’assunzione di sostanze alcoliche, ha oltraggiato e minacciato gli agenti intervenuti.

Nella circostanza si è reso necessario anche l’intervento del 118.

La giovane, accompagnata presso il Commissariato di Pubblica Sicurezza di Termoli ai fini dell’identificazione, è stata deferita all’Autorità Giudiziaria per minaccia e oltraggio a pubblico ufficiale; inoltre, alla stessa è stata comminata una sanzione amministrativa per ubriachezza molesta.

Sempre nei giorni scorsi, a seguito di una segnalazione giunta al numero di pronto intervento 113, personale della Polizia di Stato del Commissariato di Termoli è intervenuto nei pressi di un pubblico esercizio ubicato sul lungo mare nord, precisamente in Via A. Vespucci, a seguito di una rissa avvenuta dapprima all’interno del locale e poi conclusasi all’esterno del medesimo, durante la quale sono stati danneggiati anche alcuni elementi di arredo del locale.

L’immediata attività investigativa svolta dagli agenti, con l’acquisizione di elementi di natura tecnica e l’ascolto di testimoni, ha permesso di individuare i tre malviventi responsabili della rissa che nell’immediatezza avevano fatto perdere le proprie tracce, aiutati anche dalla scarsa visibilità dovuta all’orario notturno.  I tre uomini, sono stati quindi denunciati all’Autorità Giudiziaria per i reati di rissa aggravata, lesioni aggravate e danneggiamento aggravato.

 Infine, nei giorni scorsi, gli Agenti del Commissariato di P.S. di Termoli, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di misura cautelare in carcere emessa dalla Procura della Repubblica presso la Corte d’Appello di Campobasso, nei confronti di un giovane molisano, di 25 anni, residente a Termoli. L’uomo riconosciuto colpevole di furto in abitazione, aggravato, continuato e in concorso con terzi perpetrato a Termoli, risulta già gravato da precedenti di polizia per stupefacenti, reati contro la persona e contro il patrimonio. Lo stesso, dopo le formalità di rito è stato condotto presso la Casa Circondariale di Larino a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.